Image 17 aprile 2016 - REFERENDUM SULLE TRIVELLE
Venerdì, 11 Marzo 2016
Cosa prevede il referendum sulle trivelle   Da qualche mese in Italia si parla del referendum contro le trivellazioni, promosso da nove consigli... Read More...
Image Randagi stabiesi spariti nel nulla : i retroscena dell’asta al ribasso
Domenica, 14 Febbraio 2016
Randagi stabiesi spariti nel nulla : i retroscena dell’asta al ribasso Randagi scomparsi nel nulla da mesi. Appello agli Stabiesi di... Read More...
Image Divorati dalla rogna, 48 cani in gabbia. Un inferno nel canile-lager di Marcellina
Domenica, 14 Febbraio 2016
Divorati dalla rogna, 48 cani in gabbia. Un inferno nel canile-lager di Marcellina La scoperta da parte delle guardie zoofile nel comune di... Read More...
Image Test senza animali: la LAV finanzia una borsa di studio all'Università di Pisa
Martedì, 02 Febbraio 2016
Test senza animali: la LAV finanzia una borsa di studio all'Università di Pisa   Sosteniamo concretamente i metodi di ricerca sostitutivi e per... Read More...
Image Basta con le bugie sui cinghiali
Lunedì, 01 Febbraio 2016
BASTA CON LE BUGIE SUI CINGHIALI   Le false cifre sul numero di questi animali si diffonde a dismisura per tutto il paese allo scopo di favorire... Read More...

I cani riconoscono le emozioni umane: ora lo dice anche la scienza

emozioni cani

I cani sono in grado di riconosce le emozioni dell'uomo, e sono in grado di farlo mediante la combinazione di informazioni provenienti da sensi diversi, come suoni (della voce, soprattutto) e immagini (un viso arrabbiato, per esempio). Una capacità che non era mai stata scientificamente provata in precedenza in specie diverse dagli umani, rivelano gli esperti dell'Università di Lincoln (Regno Unito) e di San Paolo (Brasile) sulla rivista della Royal Society "Biology Letters". Per la prima volta, i ricercatori hanno dimostrato che i cani formano rappresentazioni mentali astratte di stati emotivi positivi e negativi, e che non mettono semplicemente in atto dei comportamenti appresi in precedenza, in risposta alle espressioni di persone o altri cani.

I ricercatori hanno presentato a 17 cani alcuni abbinamenti di immagini e suoni che trasmettevano diverse combinazioni di espressioni emotive positive (felicità o gioco) e negative (ira o aggressività) negli esseri umani e nei loro simili. Queste fonti distinte di input sensoriali - foto di espressioni facciali e clip audio di vocalizzazioni (voce o abbaio) da soggetti sconosciuti - sono state presentate contemporaneamente agli animali, senza alcuna formazione precedente.

Il team ha rilevato che i cani trascorrono molto più tempo a guardare le espressioni facciali quando abbinate allo stato emotivo della vocalizzazione, sia nel caso di soggetti umani sia canini. E l'integrazione di diversi tipi di informazioni sensoriali indica che i cani hanno rappresentazioni mentali di stati emotivi positivi e negativi, hanno concluso gli autori. "In passato - spiega Kun Guo - gli studi hanno indicato che i cani possono distinguere tra emozioni umane attraverso alcuni 'indizi', come le espressioni facciali. Ma non è la stessa cosa rispetto al riconoscimento emotivo. Il nostro lavoro mostra che i cani hanno la capacità di integrare due diverse fonti di informazioni sensoriali, in una percezione coerente delle emozioni sia degli esseri umani che dei cani. Per fare ciò è necessario un sistema di classificazione interna degli stati emotivi. Questa capacità cognitiva è stata evidenziata finora solo nei primati e la capacità di fare questo tra diverse specie si è vista solo negli esseri umani".

"Molti proprietari di cani - dice il co-autore Daniel Mills - ci segnalano nei loro aneddoti che gli animali domestici sembrano molto sensibili agli umori dei membri della loro 'famiglia umana'. Il nostro studio è il primo a dimostrare che i cani riconoscono veramente le emozioni negli esseri umani e negli altri cani, senza ricevere alcuna formazione precedente o aver trascorso un periodo di familiarizzazione con i soggetti presentati nelle immagini o negli audio. Una capacità, dunque, che può essere intrinseca".

In un altro studio pubblicato sui "Proceedings of the National Academy of Sciences", la University of California a Los Angeles getta nuova luce sulla storia dell'animale preferito dall'uomo: sembra infatti che addomesticarli, a partire dai lupi grigi più di 15.000 anni fa, possa aver portato a un aumento del numero di mutazioni genetiche dannose. Ma ciò non sembra aver influito sul loro "cuore".

Fonte e foto:tgcom24.it

ChiSiamo2

Responsive Free Joomla template by L.THEME